03/03/2008 - ACCADEMIA SANTAGIULIA E MACHINA INSTITUTE PER BRESCIA CASA
Tre eventi tra moda, design e progettazione

L'Accademia SantaGiulia e il Machina Lonati Fashion & Design Institute hanno relizzato per Brescia Casa tre suggestivi progetti di mostra, legati agli ambiti della moda, del design e della progettazione urbanistica. Di seguito si riportano il comunicato stampa diffuso dalla Fiera e le presentazioni dei tre eventi/progetti.

COMUNICATO STAMPA
La manifestazione sarà, come di consueto, organizzata in diverse aree espositive tematiche:  una sezione interamente dedicata alle più innovative e interessanti proposte del design. L’area di Machina Lonati Institute/Accademia SantaGiulia presenta quest’anno una mostra comparata sulla storia del design dal dopoguerra ad oggi, con oggetti icone e le opere di Ettore Sottsass, grande architetto e designer recentemente scomparso. In mostra ceramiche, mobili, fotografie, vasi, provenienti dalle collezioni private di Piera Gandini, Flos, Stile, Galleria Minini e Serafino Zani. Uno scenario suggestivo progettato e allestito con la collaborazione della Signora Piera Gandini e l’arch. Paolo Mestriner.
Al secondo piano  nella zona convegni, la Modelleria San Marco espone prototipi di lavori realizzati per i grandi designer quali Stark, Rashid, Mendini, Mari, Arad, ecc. Un evento ideato dal designer Sergio Bonometti con la collaborazione dello studente di Machina Gianfranco Di Costanzo e lo spazio Cherubini group. A confermare la funzione di Brescia Casa 2008 come punto di osservazione del futuro dell’architettura, Machina Lonati Institute/Accademia SantaGiulia presentano Brescia 2015, uno spazio dedicato all'evoluzione della città negli anni futuri. Una planimetria di 100 metri quadrati calpestabile sarà a disposizione del pubblico che potrà seguire, attraverso totem collocati a terra, l'evoluzione della città e cogliere come cambierà il volto di Brescia tra oggi e il 2015. Sarà tra l’altro visibile  anche lo sviluppo della rete metropolitana. Lo stand è stato progettato da Machina/Accademia SantaGiulia con la supervisione dell’architetto Alberto Mezzana e con la collaborazione dell’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Brescia, Brescia Mobilità, Brescia Trasporti ed A2A.

DESIGN & EMOTION
Design & Emotion
è lo spazio che accoglie una mostra sul design da collezionismo. Un evento culturale per portare al pubblico il grande design italiano. Un appuntamento importante per Brescia Casa che si veste di cultura per offrire, in uno scenario suggestivo, le tappe dell’evoluzione del design dal dopoguerra ai giorni nostri, attraverso la lettura della produzione artistica e intellettuale di Ettore Sottsass, grande architetto e designer recentemente scomparso, testimone di una continua metamorfosi creativa.
Un affascinante viaggio tra diversi linguaggi che si snodano attraverso la linea di confine tra arte e design.
Si parte dagli anni ‘40 con opere di Giò Ponti, Caccia Dominioni, De Pas, d’Urbino, Lomazzi, per proseguire con gli anni ‘50 con Sabatini, Castiglioni, Tapio Wikkala e altri. Opere rappresentative del design prima maniera.
Gli anni ‘60 e ’70 testimoniano il design radicale che esalta il concettuale e l’immaginifico, a scapito del funzionale. Ne sono protagonisti Zanotta, Sapper, Zanuso, Mendini e le produzioni di Kartell, Gufram e Danese.
Gli anni ’80 aprono ad un nuovo codice estetico e a nuovi linguaggi basati sul “non metodo” progettuale che evocano il paradosso, il grottesco e la metafora, una vera rivoluzione nel panorama del design italiano e internazionale. E’ il periodo di Alchimia, Memphis, Branzi, Giovannoni.
L’evoluzione sperimentale del design è visibile nell’area dedicata agli anni ‘90 con le opere di Ron Arad, Stark, Nigel Coates, ecc.
La mostra si completa con fotografie, vasi, ceramiche, mobili, sculture di Ettore Sottsass, provenienti dalle collezioni provate di Piera Gandini, Flos, Stile, Galleria Massimo Minini e Serafino Zani.
Un evento culturale ideato da Machina/Accademia Santa Giulia, a cura del prof. Dario Polatti e dell'arch. Paolo Mestriner, con la preziosa collaborazione di Piera Gandini.

DAL DESIDERIO ALLA FORMA: IL RACCONTO DI ALCUNI PERCORSI
Fiorenzo Mondini
è sicuramente una figura importante nella storia della prototipia del design internazionale. E’ un artigiano evoluto, raffinato che sa sapientemente coniugare la creatività con i vincoli della produzione industriale.
Un modellista che si interfaccia con designer internazionali del calibro di Philip Stark, Kim Rashid, Ron Arad ed Enzo Mari, solo per citarne alcuni, e con grandi aziende produttrici di design. I prototipi delle sedute di Driade nascono nel suo laboratorio.
E sicuramente un sensibile artigiano che deve la sua abilità alle tappe evolutive delle sua carriera professionale che lo vedono passare da apprendista di bottega a imprenditore-artigiano sino a divenire un consulente progettista per gli stessi designer.
Un problem solving che sa risolvere anche dal punto di vista tecnico e creativo, i problemi tecnologici che una produzione seriale comporta.
La sua lunga esperienza lo porta ad intervenire là dove la tecnologia risulta essere inefficace, dove la modellazione 3D è difficile se non impossibile.
Questo spazio vuole mostrare al pubblico il backstage della progettazione di un oggetto di design e contemporaneamente la sapienza artigianale che anima ogni progetto dove l’apporto umano risulta ancora determinante, anche sulle tecnologie più avanzate.

BRESCIA 2015: IL FUTURO DELL'ARCHITETTURA
Il progetto, realizzato dall’Accademia Belle Arti Santa Giulia di Brescia in collaborazione con l’Ente fiera di Brescia, ha lo scopo di rappresentare in forma tridimensionale la visione della “nuova Brescia” completa degli interventi principali di modifica del tessuto urbano (comparto Milano, area mercati generali, ecc.) nonché i nuovi quartieri periferici (violino, San Polo).
Per le infrastrutture verrà visualizzato il percorso della metropolitana leggera.
Per dare una facile lettura della città, in uno spazio di mq. 100, a quota pavimento verrà posizionata una foto aerea della città, dove all’interno delle singole aree urbane, verranno visualizzati i singoli progetti mediante dei totem (altezza uomo) sui quali verranno rappresentate le immagini dell’intervento futuro.
In collaborazione con l’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Brescia, Brescia Mobilità, Brescia Trasporti e A2A.


Luogo Evento: www.accademiasantagiulia.it