30/07/2012 - PREMIO DOLCI GIOVANI ARTISTI BRESCIANI A CLAUDIO RIVETTI

Claudio Rivetti si aggiudica la settima edizione del premio provinciale d'arte in memoria di Giovanni Martino Dolci e Angiolina Bettoni Dolci, organizzato dalla Fondazione Dolci e conclusosi con la cerimonia di premiazione ufficiale che si è tenuta presso la Pieve di Urago Mella domenica 28 luglio alle ore 18.00; ha premiato il Presidente della Fondazione il Dottor Antonio Maggi, il critico d'arte Fausto Lorenzi, il pittore Eugenio Busi, Giovanni Marchina e Ermes Pasini.

Il giovane artista, nato a Trenzano, che si è appena diplomato all'Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, ha vinto 5000 euro grazie al video “Flashover” Il cibo si trasforma cuocendo, perché la sua stessa materia cambia durante il processo di riscaldamento. Con un particolare punto di vista, questo passaggio acquisisce un nuovo senso e una sottile ironia per il rimando all'attività quotidiana. La giuria era composta dal Prof. Luciano Anelli (Presidente), dai critici d'arte Fausto Lorenzi e Mauro Corradini, dal pittore Eugenio Busi, da Giovanni marchina e Ermes Pasini. La manifestazione giovane arte bresciana, rientra in un cospicuo programma di attività organizzate nel 2012 dalla Fondazione Martino Dolci, nell'anno del centenario della nascita del noto artista bresciano Martino Dolci. La giovane arte bresciana è finalizzata alla promozione e valorizzazione di giovani artisti. Il concorso prevede l'allestimento di una importante esposizione collettiva di sette finalisti presso la bella Pieve di Urago Mella e si conclude poi con una mostra personale da parte del vincitore .Le sezioni del concorso sono: pittura, scultura e installazioni, video arte, fotografia.
Per cogliere l'occasione del centenario l'Accademia SantaGiulia ha partecipato con altri quatto giovani artisti: Chiara Mazzetti (presenta scatti fotografici e video trattando temi sociali con delicatezza e grande sensibilità dedicati all'alienazione sociale dati dalla solitudine e isolamento) Elisa Pezzotti (propone opere in acrilico e olio su carta da spolvero, dove studia la natura della luce e opere di ricerca di nuovi soggetti cui ispirarsi trasformandoli in virtuosismi spirituali) Marta Cristini (espone una rassegna di opere scultoree partendo dall'argilla, cemento e marmo in questa sua rassegna materiale cercando di evolvere il proprio stile peronale) Daniele Boi (propone opere di una potente energia espressiva).

 


Luogo Evento: Pieve di Urago Mella