19/04/2007 - "IL MODO ITALIANO" e "MITOMACCHINA"
Il design grande protagonista al Mart

 

Il Mart – Museo di Arte contemporanea di Rovereto e Trento propone in questi mesi due importanti esposizioni dedicate al design.

L’esposizione Il modo italiano, a cura di Giampiero Bosoni e Guy Cogeval, ricostruisce negli spazi del Mart la complessità di quel particolare clima creativo che ha contraddistinto l’Italia nel corso del Novecento. Il progetto si sviluppa a partire di una ricerca dal taglio fortemente innovativo sulla contiguità di quelle discipline artistiche che hanno favorito lo sviluppo del design europeo. La creatività italiana, in quel contesto, si è infatti rivelata capace di anticipare gusti e tendenze. Nel design, appunto, ma anche nella pittura e nella scultura. Tutte le arti, nel corso del Novecento, hanno testimoniato l’apertura dell'Italia alla modernità. Nel caso del design il nostro paese ha inoltre conquistato un ruolo di leader a livello mondiale a partire dal secondo dopoguerra. L’indagine di Modo Italiano scaturisce dalla scelta del Mart di presentare progetti espositivi che facciano dialogare le varie arti, nella consapevolezza che non c'è un'unica "via maestra" della cultura e dell’esperienza artistica. Nel percorso espositivo de Il Modo Italiano, le opere d'arte sono messe in relazione con gli oggetti del vivere quotidiano, esaltandosi reciprocamente e mostrando come molto spesso la vena creativa non sia stata appannaggio esclusivo dell'arte propriamente detta, ma sia passata con grande forza anche nell'oggetto di uso comune, una delle massime espressioni della creatività italiana in un periodo storico in cui proprio la produzione industriale ha spinto lo sviluppo economico e sociale del nostro Paese in una sorta di “rinascita” post-bellica.

La mostra Mitomacchina. Storia, tecnologia e futuro del design dell'automobile è invece la prima mostra italiana dedicata specificamente al design automobilistico. Curata da un autorevole comitato scientifico (che comprende tra gli altri Gian Piero Brunetta, Giorgetto Giugiaro, Tomás Maldonado e Sergio Pininfarina), la rassegna racconta l’intera storia del design dell'automobile, in un percorso che individua come suoi punti nodali le grandi innovazioni dal punto di vista dell’estetica e da quello della tecnologia. Si parte dagli esordi - in mostra anche la prima automobile mai realizzata con un motore a scoppio, la Benz "Dreirad" del 1886 – e si arriva ai giorni nostri e oltre: Mitomacchina presenta infatti anche i prototipi che nel Ventunesimo secolo stanno per rivoluzionare ancora una volta le forme, l’uso e la carica di significati dell’automobile.
La chiave di lettura di Mitomacchina è duplice: da un lato la mostra presenta una vasta selezione di modelli di automobili scelti a partire dal loro ruolo di propulsori del cambiamento, sia in chiave sociologica che estetica; dall'altra una ricognizione sui progetti, i processi industriali e le sperimentazioni che hanno accompagnato, messo in discussione e ricostruito, grazie ai più alti geni della creatività internazionale, questo straordinario "oggetto" del Ventesimo secolo.

Per tutte le informazioni sulle due rassegne, si veda il sito www.mart.trento.it.


Luogo Evento: Trento - Mart
1176_3__Mendini___La_poltrona_di_Proust___208.jpg 1341_Il_Modo_Italiano___Gli_Anni_Sessanta.jpg 1327__FEN0083.jpg 864_Mitomacchina___Bonneville_Record_Run.jpg 1301_077_Z_Car.jpg 1279_DSC_0045.jpg 1189_043_Le_sportive_estreme___Pagani_Zonda_e_Ferrari_599_GTB_Fiorano.jpg