23/03/2009 - CONFERENZA STAMPA: L'ACCADEMIA SANTAGIULIA PORTA IN SCENA IL COMBATTIMENTO DI TANCREDI E CLORINDA

L’Accademia di Belle Arti SantaGiulia con la partecipazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Brescia e il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Provinciale porta in scena l’opera lirica di Claudio Monteverdi "Il combattimento di Tancredi e Clorinda".

Lunedì 23 marzo - ore 14.00
Aula Magna- Accademia di Belle Arti Santa Giulia 

L’Assessore alla Cultura Andrea Arcai, il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Giuseppe Colosio e il Direttore dell’Accademia SantaGiulia Riccardo Romagnoli presentano lo spettacolo-evento che sarà messo in scena presso il Castello di Brescia il 13 e 14 giugno 2009, preceduto da un Corso di formazione per insegnanti e studenti della Scuola secondaria superiore al via lunedì 23 marzo 2009.

L’ingresso allo spettacolo e la frequenza al Corso di formazione sono gratuiti.
La cittadinanza è invitata.
________________________________________

Descrizione e finalità del progetto
Il Seicento italiano, con l’invenzione dell’opera lirica, creò un eccezionale antecedente dei processi di integrazione culturale e artistica di quello che oggi possiamo chiamare globalizzazione artistica. Partendo da questa idea di integrazione dei linguaggi e proseguendo il lavoro di recupero del patrimonio lirico italiano barocco fatto l’anno scorso con la produzione de “Il sacrifizio di Abramo” di Camilla de Rossi, l’Accademia de Belle Arti SantaGiulia allestirà quest’anno un innovativo progetto di spettacolo-evento che, prendendo le mosse da Il Combattimento di Tancredi e Clorinda, opera di Claudio Monteverdi su testo di Torquato Tasso, costruisce un evento performativo interagente col pubblico, arricchito dalla presentazione di altri madrigali monteverdiani, ambientato nella splendida cornice del Castello di Brescia. L’evento si baserà sulla messa in parallelo della rappresentazione dell’opera melodrammatica, peraltro attualizzata e arricchita da ulteriori sintagmi drammaturgici, con un’azione recitativa e coreografica. Spetterà poi al pubblico stabilire quale linguaggio sarà risultato maggiormente idoneo ad esprimere la complessa e intrigante tematica sollevata dalle ottave tassesche.
Tra marzo e giugno 2009 a docenti e studenti delle Scuole secondarie superiori della città e della Provincia sarà offerto il corso di formazione “Anatomia dello spettacolo”, volto a presentare i vari aspetti della costruzione di una messa in scena dal punto di vista di tutte le professionalità coinvolte nella ideazione dell’evento e nella sua realizzazione performativa.
Si tratta di un importante momento per la città di Brescia, ove finalmente diverse forze si uniscono per fornire spessore alla formazione degli operatori dello spettacolo. L’iniziativa, lanciata dall’Accademia SantaGiulia, ha riscosso infatti i favori del Conservatorio di Brescia, che sarà presente coi suoi cantanti e con una ensamble di musicisti guidati dalla prof.ssa Giovanna Fabiano, e di altre realtà professionali presenti sul territorio operanti nell’ambito del  teatro e della danza.
Nello specifico, la Scuola di Scenografia attiva presso la SantaGiulia punta a fornire ai suoi studenti l’opportunità di sperimentare i tre diversi ambiti dello spettacolo in cui nell’immediato futuro essi si troveranno a lavorare: l’opera lirica, la recitazione e la danza. Proprio per questo s’è pensato di realizzare un progetto che comprendesse tutti e tre generi, basato sulla messa in scena de Il Combattimento di Tancredi e Clorinda, opera che riunisce appunto in sé musica, letteratura e mimica.
L’alto valore formativo dell’iniziativa è infine dovuto al fatto che a dirigere la produzione e la messa in scena dello spettacolo saranno fior fior di professionisti di fama nazionale e internazionale che guideranno gli studenti nella definizione dei criteri estetici e nelle scelte operative. Si esce dunque dalle aule didattiche e ci si rapporta ad una reale e concreta esperienza di produzione, con tutte le problematiche che essa involge (lo spazio, l’illuminazione, l’acustica, i costumi, gli oggetti scenici etc.). E gli studenti che hanno seguito e supportato i loro docenti negli allestimenti nei principali teatri europei (a Bilbao, Madrid, Utrecht, Trieste, Atene, Torino, Siviglia per stare solo all’ultimo anno) si cimentano ora col pubblico della propria città: una vera e propria sfida e una scommessa sul futuro di Brescia come città d’arte e di cultura.

Il corso di formazione, dal titolo  Anatomia dello spettacolo. Per una formazione alla pratica del teatro, si svolgerà presso la sede dell’Accademia di Belle Arti SantaGiulia, in via N. Tommaseo 49 a Brescia, e prenderà il via lunedì 23 marzo 2009. Esso prevede due sezioni, la prima consistente nella proposta di cinque lezioni monotematiche in cui si approfondiscono le differenti professionalità coinvolte nella costruzione di una messa in scena, la seconda dedicata alla realizzazione e all’allestimento del Il Combattimento di Tancredi e Clorinda negli spazi del Castello di Brescia tra il 1 e il 14 giugno 2009. Il Corso gode del Patrocinio dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia e rientra nelle iniziative di formazione e aggiornamento dei docenti realizzate dalle università e automaticamente riconosciute dall’Amministrazione scolastica ai sensi del CCNL comparto Scuola quadriennio 2006-2009 e dà luogo, per gli insegnanti di ogni ordine e grado, agli effetti giuridici della partecipazione alle iniziative di formazione.


Programma della prima fase del corso (23-27 marzo 2009)
• Lunedì 23 marzo ore 14.30-16.30 : lezione di regia in cui verranno esposti i principi chiave dell’analisi di un testo o di un brano musicale in funzione dello spettacolo, l’estrapolazione di un concetto chiave la definizione delle linee estetiche e la coordinazione generale di tutti gli aspetti dello spettacolo e in particolare degli attori e dei cantanti.
Relatore: Prof. Ignacio García, docente di Regia presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, co-direttore del Teatro Español di Madrid.

• Martedì 24 marzo ore 14.30-16.30: lezione di scenografia in cui verrà descritto come si
crea l’immagine e lo spazio, le atmosfere e l’emozione dell’ambiente in relazione alle scelte registiche.
Relatore: Prof. Domenico Franchi, coordinatore della Scuola di Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, Scenografo e artista visivo.

• Mercoledì 25 marzo ore 14.30-16.30: lezione di Light Design sulla creazione della luce,
passaggio fondamentale per costruire la temperatura emotiva dello spazio e degli accadimenti in esso contenuti.
Relatore: Prof. Stefano Mazzanti, docente di Illuminotecnica presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, artista visivo e light designer.

• Giovedì 26 marzo ore 14.30-16.30 : lezione di costume in cui verrà analizzato in quale modo si veste l’identità di un personaggio calato in uno specifico contesto scenico.
Relatore: Prof. Mario Braghieri, docente di Storia del costume presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, costumista teatrale.

• Venerdì 27 marzo ore 14.30-16.30: lezione di Scenotecnica dedicata alle tecniche di
realizzazione della scenografia, ai materiali e ai costi di realizzazione.
Relatore: Prof. Gino Copelli, docente di Scenotecnica presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, Scenotecnico.

Contenuto seconda fase (1-14 giugno 2009)
La seconda fase del corso prevede la partecipazione degli insegnanti e degli studenti alle diverse fasi di allestimento dello spettacolo-evento realizzato a partire dal Combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi, prodotto dall’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia con la collaborazione del Conservatorio di Musica “Luca Marenzio”. L’opportunità di seguire le fasi di allestimento presso il Castello di Brescia fino al giorno del debutto rappresenta una dimostrazione concreta degli aspetti trattati durante le cinque lezioni teoriche, una degna conclusione del corso in cui si vedranno all’opera professionisti alle prese con la costruzione in loco delle idee registiche e sceniche. Lo stage sarà seguito da una Docente tutor.


Fonte: www.accademiasantagiulia.it