22/10/2005 - Concorso giovani artisti

Primo premio provinciale di pittura

giovane arte bresciana 2005

in memoria di Giovanni e Martino Dolci

Concorso provinciale per giovani artisti

Regolamento

Art. 1. Finalità dell’iniziativa

Nell’intendimento di promuovere ed incoraggiare la creatività dei giovani artisti bresciani e riaffermare la continuità della visione e della percezione artistica di Martino e Giovanni Dolci, la Fondazione Dolci, indice ed organizza il Primo concorso provinciale di pittura "Giovane arte bresciana"

Art. 2. Partecipazione al concorso

La pertecipazione al concorso è aperta a tutti gli artisti (autodidatti o studenti) nati, residenti o studenti nella provincia di Brescia, che non abbiano compiuto i 27 anni alla data di scadenza dei termini per la presentazione della domanda di partecipazione (31 ottobre 2005).

Art. 3. Selezione degli artisti

Gli artisti interessati possono inoltrare, direttamente, o attraverso segnalazione dell’accademia cui appartengano, domanda di partecipazione alla Segreteria della Fondazione Dolci, in via S. Faustino 83/b, 25122 Brescia, entro il 31 ottobre 2005.

La domanda di partecipazione deve contenere le seguenti indicazioni:

• Portfolio di fotografie o book di almeno 10 opere, con a tergo indicato il titolo dell’opera, la tecnica usata, le dimensioni e la data di realizzazione.

• Curriculum artistico, che indichi il percorso formativo e le eventuali mostre. Il testo non dovrà superare le trenta righe.

• Eventuale altro materiale informativo.

• Indirizzo, numero/i di telefono e fotocopia di un documento che comprovi l’età del concorrente.05

Il Comitato Artistico delibererà, con decisione insindacabile, sull’ammissionedei candidati al concorso.

Art. 4. Inviti

La partecipazione avviene ad invito, che la Segreteria invierà, su segnalazione del

Comitato Artistico, a ciascun artista ammesso al concorso.

Art. 5. Adesione

La partecipazione al concorso è gratuita. Ciascun artista invitato dovrà partecipare

con il numero di opere indicato nell’invito.

Art. 6. Schede di adesione

Insieme con l’invito, verrà fornita all’Artista una scheda di adesione, che dovrà essere restituita alla Segreteria del concorso entro e non oltre il termine indicato nell’invito stesso.Ogni Artista, con la firma che appone sulla scheda di adesione, accetta tutte le condizioni del presente Regolamento.

Art. 7. Consegna e riconsegna delle opere

Le opere dovranno essere consegnate senza vetro e munite di attaccaglie. Tutte le opere dovranno pervenire improrogabilmente entro il termine, all’indirizzo e con le modalità che verranno indicate nella lettera di invito.Tutte le opere dei giovani non premiati verranno restituite all’Artista, che ne dovrà curare il ritiro entro il termine che sarà indicato nella lettera di invito. Mentre un’opera dell’Artista premiato (scelta ad insindacabile giudizio del Comitato Artistico) sarà acquisita dalla Fondazione Dolci. Inoltre l’Artista premiato dovrà donare alla Fondazione un’ulteriore opera prodotta dopo il soggiorno di studio.

Art. 8. Comitato Artistico

Il Comitato Artistico è composto da:

PROFESSOR LUCIANO ANELLI

DOTTOR FAUSTO LORENZI

PROFESSOR MAURO CORRADINI

ANGIOLINA BETTONI VED. DOLCI

EUGENIO BUSI

DOTTOR ANTONIO MAGGI

GIOVANNI MARCHINA.

Art. 9. Premio

Primo premio "Giovane Arte Bresciana" Soggiorno di studio in una prestigiosa Accademia estera. Nel caso l’artista premiato non possa o non voglia usufruire di tale opportunità, potrà optare per un libero soggiorno di studio in una capitale europea di sua scelta.

Art. 10. Mostra delle opere

La mostra delle opere degli Artisti in concorso si terrà dal 30 novembre 2005 al 9 dicembre 2005 nel salone Vanvitelliano di palazzo Loggia.

Art. 11. Custodia e assicurazione

Pur assicurando la massima diligenza per la custodia delle opere, la Fondazione Dolci,

non assume alcuna responsabilità per guasti, furti, incendi, manomissioni e qualsiasi altro danno.Se lo riterranno opportuno, gli espositori potranno provvedere per proprio conto all’assicurazione delle opere. Le opere potranno essere ritirate soltanto dopo la chiusura della Rassegna.


Fonte: Fondazione Dolci