19/09/2014 - I Fratelli Karamazov all'Occhio di Bue Festival

Gli allievi del corso Teatro San Domenico di Crema, in collaborazione con gli scenografi e i costumisti della Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia, con i preziosi suggerimenti drammaturgici di Marco Viviani e la regia di Pietro Arrigoni, metteranno in scena l’ultimo capolavoro di Dostoevskij, effettuando dei flashback per poter meglio entrare nella vita e nella psicologia dei personaggi, per capire bene il senso di questo libro che così tanto esprime la poesia e la vita dello stesso autore.

Compagnia del Teatro San Domenico di Crema
Il più complesso romanzo di Dostoevskij, la summa dei suoi temi e della sua visione sociale e religiosa, affrontato da 12 ragazzi appena maggiorenni. La sfida del regista Pietro Arrigoni e dei suoi allievi del corso al Teatro San Domenico di Crema può sembrare troppo ardua, ma il risultato è all’altezza, grazie all’unico atteggiamento possibile quando si ha anche fare coi mostri letterari: l’incoscienza, l’intuizione naturale. La rilettura del romanzo parte da un’idea precisa: rovesciare il plot narrativo e partire dal fondo: il processo. Mitja sul banco degli imputati, la processione dei fratelli, dei testimoni per la difesa e l’accusa, la curiosità del pubblico e dei giornalisti; la ricostruzione del parricidio consente diversi flashback che trasformano l’aula giudiziaria nel convento di padre Zosima, nelle case e nelle locande dove si consumano i drammi personali – e filosofici – di Ivan e di Alesa, di Grusenska.
I Fratelli Karamazov diventa così un modernissimo e cupo thriller giudiziario, che rispetta e riporta in primo piano la domanda insostenibile sottesa al libro: perché si dovrebbe credere nel Dio che ha creato un mondo nel quale è così difficile credere?

Un copione scritto dai ragazzi stessi secondo le modalità dell’intelligenza collettiva, intriso di cultura letteraria, di slancio, e al servizio di uno spettacolo originale anche nelle scene e nei costumi, curati dall’Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia.

Con:
Gianmaria Camozzi
Gabriele Cincinelli
Gilberto Cincinelli
Vittoria Gelati
Claudia Locatelli
Filippo Mariani
Diego Poletti
Laura Rizzi
Silene Rosin
Guglielmo Saerri
Beatrice Stabile
Margherita Tedoldi

Progetto e regia a cura di Pietro Arrigoni
Testo a cura di Claudia Locatelli e Guglielmo Saerri
Assistente alla regia Davide Branchi
Collaborazione drammaturgica di Marco Viviani
Scenografia e costumi a cura di Marta De Antoni, Valentina Guaita, Stefano Mondini, Sharon Pugliese, Accademia di belle arti di Brescia SantaGiulia
Make up a cura di Rosa Martinenghi
Fotografie di Sergio Locatelli, La Nuova Immagine, Crema
Progetto grafico di Stefano Mondini
Si ringraziano: Paola Adenti e Danio Belloni per la collaborazione.

In scena il 19 settembre 2014 alle ore 21.00 presso il Teatro Politeama (Piazza Bianchi, 2) di Manerbio, Brescia.

Cosa è OCCHIO DI BUE FESTIVAL? Clicca qui!

 


Fonte: Accademia SantaGiulia