19/06/2006 - ICONOGRAFIA DELLA MATERIA SONORA

LEDIECIGIORNATE DI BRESCIA

16-25 giugno 2006

 

Laboratori–evento proposti

dall’Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia


 

lunedì 19 giugno 2006

 

              Auditorium del Museo Santa Giulia

 

ore 16,45 -17,30

 

 

L’ICONOGRAFIA

DELLA MATERIA SONORA

E IL RESTAURO MUSICALE

 

PROGRAMMA

Restauro pittorico dell’opera di Evaristo Baschenis “Strumenti musicali

e in contemporanea

trio di violoncelli

 

J. S. Bach, dalle 6 suite per violoncello solo: 3 tempi

A. Vivaldi, dal Concerto doppio in Sol m RV 531:  adagio

B. R. Ortolani, dal film “Fratello Sole Sorella Luna”

E. Morricone, dal film “Canone Inverso”

E. Morricone, dal film “C’era una volta il West"

 

 voce recitante

 

Marco Boschini, IL TEMPO PITTORE

John Dryden, POESIA A SIR  KNELLER

Giovan Battista Marino, PITTURA. DICERIA PRIMA

Paul Verlaine, ARS POETICA

Fernando Pessoa, IL VIOLINISTA PAZZO

 

 

Descrizione evento

Il restauro dell’iconografia dello strumento musicale è una tassello importante nella restituzione del­l’ef­fettivo pro­dotto uditivo dello strumento d’epoca. Il laboratorio mostrerà un campione di positiva interazione fra restauro pitto­rico e recupero dello strumento musicale.

La performance inscenerà il processo che si svolge quando dall’iconografia dello stru­mento antico si passa alla re­stitu­zione del suono: da un prezioso quadro di Evaristo Baschenis (1617-1677) – Strumenti musicali (collezione pri­vata) – il cui restauro verrà eseguito in diretta e proiettato su grande schermo, emergerà la forma di uno stru­men­to musicale. L’arte della pittura in­dur­rà il liutaio a costruire lo strumento e questi comincierà a suonare. Poi i suoni si mol­ti­pli­che­ran­no e la musica, inte­gran­do­si con la pittura, si farà sublime poesia: un trio di violoncellisti eseguirà alcuni adattamenti per violoncello e una voce recitante leggerà alcune poesie. Ciascuna arte sarà dun­que indotta dall’altra ad esprimersi, anche se fra di esse non c’è un vero nesso di con­tinuità: ogni arte esprime solamente sé stessa e ciò che le unisce è solo il filo della memoria, quella traccia culturale che co­sti­tuisce l’origine dell’atto di restauro. E dopo di esso tutto torna e si rinnova.

 

Performers :
Giacomo Brunelli ed Elisabetta Bondioni, docenti di Restauro presso l'Accademia SantaGiulia di Brescia. Il liutaio Alessandro Gambarin, il trio violoncellistico composto da Antonia Marinelli, Doriana Marinelli ed Enrico Bertolotti e la voce recitante Michela Zaccaria.

 


Fonte: Segreteria Accademia SantaGiulia