13/05/2017 - ARTE SENZA PREGIUDIZIO, mostra dei corsisti di Verziano del prof. Ghilardi per il progetto ‘Hdemia in Carcere’

«Il mondo abitato dall’uomo può essere diviso da muri, diffidenze, sospetti, perfino odi e guerre. Quello da noi indagato è composto da uomini e donne che stanno al di qua e al di là di un’inferriata: il confine posto dalla giustizia dei tribunali che separa  chi è stato giudicato e da chi ha giudicato. Eppure rimane tra le due separate sponde un legame che nessuno può negare o annullare: entrambe le parti appartengono allo stesso fiume, alla stessa umanità. Quando queste persone escono dai ruoli imposti necessariamente dall’ordine civile, ecco che nascono inaspettate comunanze, reciproci riconoscimenti, perfino simpatie nel senso greco del termine: patire insieme, provare insieme le stesse emozioni che prova l’altro. E quale ambiente più in comunione dell’arte, dove le categorie del giudizio fuggono dalla legge per rifugiarsi nella bellezza? Nessun uomo, per quanto rozzo, ignorante o semplicemente disperato, non prova, di fronte alla Pietà di Michelangelo, un moto di stupore, se non di sincera commozione. Nessun uomo, almeno per un istante della sua vita, non è stato tentato da un sentimento di gioia, diciamo pure d’amore, anche se poi quel prezioso segreto è stato disperso nel nulla. Per questo motivo, per questa speranza comune, le opere esposte in mostra riportano degli artisti solo il nome: essi sono giudici, carcerati, agenti e operatori dello Stato, condannati. Nulla li distingue se non il coraggio di aver guardato oltre, verso un orizzonte dove le colpe e i ruoli sfumano, si sciolgono e poi risorgono a sola bellezza, unito destino. La Pieve è il punto di arrivo di un percorso che si snoda nella nostra città perché: "La “città dell'uomo” non è promossa solo da rapporti di diritti e di doveri, ma ancor più e ancor prima da relazioni di gratuità, di misericordia e di comunione». 
Papa Benedetto XVI, (CiV, 6)
 
Il progetto “Hdemia in Carcere” nasce nel 2005 quando l’Accademia SantaGiulia, in regime di volontariato, attiva in collaborazione con la Direzione e le autorità istituzionali della Casa Circondariale, prima di Canton Mombello poi di Verziano, alcuni percorsi di formazione al lavoro artistico e all’espressione estetica. Il senso dell’iniziativa è di sperimentare un laboratorio operativo per l’insegnamento al fare artistico.
Un progetto innovativo e sperimentale che ha individuato nella manipolazione plastica uno dei più efficaci mezzi espressivi. Attraverso lo sviluppo della manualità, la ricerca sulla forma, gli autori si sono accostati a nuove modalità di relazione ed è per questo che gli eccellenti  risultati assumono una valenza di grande significato nell’ambito di un processo formativo più generale, dove l’arte ha raggiunto l’anima e i cuori e nella sua unicità ha superato ogni differenza sociale, culturale ed etnica, mediante gesti che esprimono il desiderio di comunicare con autenticità, al di là dei pregiudizi.
 
Promuove e partecipa al progetto ARTE SENZA PREGIUDIZIO l’Hdemia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia in piena sinergia con la Casa circondariale di Verziano (Bs), attraverso il corso di Scultura tenuto dal Prof. Agostino Ghilardi, esponendo quattordici teste in terracotta realizzate dai corsisti.
Anche l’artista Ghilardi decide di partecipare con due lavori personali inerenti al tema.
Sarà inoltre presente Franco Faglia, che assiste e collabora con il Prof. Ghilardi presso il laboratorio artistico di Verziano, con una serie di opere che nascono prevalentemente dallo studio delle forme del corpo umano che rappresentano la base culturale e il punto di partenza per conseguire un’espressività personale.
 
Un ringraziamento particolare al Prof. Agostino Ghilardi per l'amore e la professionalità messa a disposizione di tutti e un grazie di cuore ai valorosi studenti dell'Accademia SantaGiulia e ai corsisti di Verziano che lo seguono con tanta passione.
 
Si ringraziano la Direttrice della Casa circondariale Francesca Paola Lucrezi, che in questi anni sostiene il nostro progetto e ci supporta perché crede in noi, e l’imprenditore Giorgio Zubani, per averci coinvolti in questa nuova avventura.
 
ARTE SENZA PREGIUDIZIO è in mostra alla Pieve di Urago Mella, vi aspettiamo!
 
 
ARTE SENZA PREGIUDIZIO
Mostra di artisti del mondo della giustizia
13 maggio-28 maggio
PIEVE DI URAGO MELLA
Via della Chiesa 136, Brescia
Orari: Venerdì, Sabato 16-19; Festivi 10-12, 16-19
Gli eventi sono organizzati dal Movimento dei Focolari, Corpus Hominis, Amici della Pieve di Urago Mella
 
PROGRAMMA 
13 MAGGIO 2017: Ore 17.00
Inaugurazione della mostra e incontro con gli artisti
19 MAGGIO: Ore 20.30
INCONTRO CON CARLO ALBERTO ROMANO, DOTT.SSA ANNA GARDA, AGOSTINO Ghilardi
28 MAGGIO 2017: Ore 20.30
Musiche e cori multietnici.
 

Fonte: Accademia SantaGiulia