16/06/2007 - Per due giorni è qui la Sagra

Due giorni all’insegna della fiera di paese, ma non solo. È ciò che offre l’ottava edizione della «Sagra di San Gervasio e della Bassa», che oggi e domani vedrà confluire nel piccolo paese bassiaolo numerosi espositori e visitatori, provenienti da ogni parte della provincia, e molti anche da fuori.
Sono quasi trecento coloro che metteranno in mostra i loro prodotti: sulle bancarelle si potrà trovare merce di ogni genere, dalla gastronomia all’enoteca, dai prodotti per l’agricoltura, a quelli per la casa.
E ancora mercatini allestiti da associazioni di volontariato o per beneficenza, oggettistica e hobbistica, prodotti gastronomici, attrezzi per l’agricoltura e l’artigianato e molto altro ancora.
Le strade e le piazze del centro saranno gli spazi della rassegna, alla quale faranno da contorno spettacoli e iniziative culturali predisposte dall’apposita commissione comunale. Numerose le attrattive in programma, per un appuntamento che vede coinvolto tutto il paese e che gode del patrocinio del Ministero delle Politiche agricole e forestali, della Regione Lombardia e della Provincia di Brescia.
La sagra aprirà i battenti nel pomeriggio di oggi alle 17, ma un primo assaggio - è proprio il caso di dirlo - si è già avuto ieri sera, con una cena a base di toro allo spiedo (specialità culinaria che oramai caratterizza ogni edizione della sagra).
All’anteprima della fiera hanno partecipato anche gli studenti del corso di pittura dell’Accademia di Belle arti Santa Giulia di Brescia, accompagnati dal preside Riccardo Romagnoli, i quali hanno presentato i lavori svolti durante l’anno appena terminato; insieme a loro erano presenti anche gli alunni del Liceo artistico «Vincenzo Foppa» e del Centro San Clemente.
Oggi, invece, dopo l’apertura dei cancelli, i visitatori potranno sostare lungo gli stand oppure degustare i prodotti tipici della provincia in esposizione, in particolare salumi e formaggi, o assaggiare la porchetta.
E sarà proprio il tipico piatto bresciano, lo spiedo, ad essere servito in tavola a partire dalle 20. Alle 21 è in calendario la presentazione del gala «Abraxas un mondo di colori», con musica e, appunto, colori; protagonisti saranno giovani cantautori o gruppi alla ricerca delle luci della ribalta. Ospite d’onore della serata sarà il celebre cantante inglese Mal, noto in particolare per la canzone «Furia cavallo del West».
Domani, domenica, il grande giorno. Alle ore 11.30, al termine della Santa Messa, ci saranno la benedizione e l’inaugurazione della sagra, con il taglio del nastro alla presenza delle autorità.
Quest’anno il taglio verrà effettuato da Renato Savaresi, già sindaco di Sam Gervasio ed apprezzato ricercatore storico. A seguire sono in programma dapprima il raduno e poi, in rapida successione, la sfilata, lungo il percorso della sagra, delle famose Cinquecento.
Durante il pomeriggio si potrà visitare tutto quanto la sagra offre. Mentre per la serata, a partire dalle 21, sono in programma musica e ballo, grazie alle note offerte dall’orchestra «Gianni e i Macedonia», prima che cali il sipario sull’ottava edizione di una sagra che punta dichiaratamente a superare le cinquantamila presenze registrate nella passata edizione.
Durante i due giorni saranno in funzione, soprattutto per i più piccini, attrazioni di ogni genere; tra queste il trenino che porterà a visitare il bosco del Lusignolo e la storia della trasformazione del latte in grana, con il taglio di una forma del formaggio prodotta nel 2006.

Umberto Scotuzzi


Fonte: Giornale di Brescia