05/02/2008 - DI ARIA E D'ACQUA

Brescia - Attraverso vedute di aria e di acqua inserite in un paesaggio fortemente antropizzato, Karina Carrescia ci trasmette soprattutto lo spirito più profondo della metropoli sudamericana in cui è nata.

Gli edifici della città otto-novecentesca si fondono con le “Buone Arie” che danno il nome alla capitale argentina e con le acque dell’estuario fluviale più esteso del mondo, che ne segnano l’aspetto in maniera estremamente tangibile.

Nata nel 1972 a Buenos Aires, Karina Carrescia si è formata nel disegno e nella pittura sin dalla più tenera età, diplomandosi presso la Scuola Nazionale di Belle Arti Prilidiano Pueyrredón, in cui lavora come docente dal 1998. Ha viaggiato in Europa (1996) e negli Stati Uniti (2001).

All'attività artistica affianca quella dell'insegnamento, tenendo corsi di pittura, disegno e anatomia artistica: all'Accademia SantaGiulia è, in qualità di Visiting professor, docente del Corso di Pittura II.

I suoi lavori, attualmente conservati in collezioni private argentine, spagnole e statunitensi, sono stati esposti – oltre che in numerose gallerie private argentine – presso la Biennale di San Paolo del Brasile, in Finlandia e negli Stati Uniti (Las Vegas).

La sua personale bresciana rientra nel "Progetto Visiting Professor", ideato e promosso dall’Accademia SantaGiulia per ampliare l'esperienza accademica degli studenti, che arricchiscono la tradizionale formazione tecnica ed artistica confrontandosi con culture ed orizzonti creativi di respiro internazionale.
Fonte: www.popolis.it