16/12/2008 - Giovane arte bresciana 2008

Giovane arte bresciana, in mostra per vincere Il migliore andrà in un’accademia straniera 
 
Colori e tavolozza
Da una trentina che erano ne sono rimasti cinque e si sfidano... a colpi di opere d’arte. É giunta alla quarta edizione il premio provinciale di pittura «Giovane arte bresciana 2008», organizzato dalla Fondazione Dolci per artisti bresciani under 27.
Da sabato scorso, 13 dicembre, fino al 20 dicembre è allestita nella sala Piamarta di via San Faustino una mostra con le opere dei cinque finalisti, da cui poi una giuria nominerà un vincitore che riceverà il Premio, consistente in un soggiorno-studio in una prestigiosa Accademia d’arte estera. Il primo classificato avrà anche la possibilità di allestire una mostra personale alla presentazione del bando di concorso del prossimo anno, mentre gli altri quattro finalisti avranno diritto ad una mostra personale per 15 giorni ciascuno.
Il premio «Giovane arte bresciana» nasce dalla volontà di Martino Dolci che aveva il desiderio di istituire un concorso che desse ad un giovane bresciano la possibilità di studiare in un’importante accademia così come lui aveva potuto fare. Il sogno di Dolci, irrealizzato durante la sua vita, è stato portato avanti dagli eredi con la fondazione dedicata alla sua memoria.
Tra i cinque finalisti, Claudio Rivetti, nato il 3 agosto del 1987, è il più giovane. Di casa a Trenzano, ha già partecipato a diversi premi e manifestazioni, anche fuori dalla provincia di Brescia. L’orceana Elena Monzo con i suoi 27 anni compiuti ad agosto è invece la più «anziana». Vive e lavora tra Brescia e Milano e vanta esposizioni e mostre in tutto il mondo, in particolare negli Stati Uniti.
Un altro 27enne è Marco Ferrara, residente in città, che dopo essersi diplomato al Calini con indirizzo sperimentale artistico si è iscritto alla Laba e oggi collabora con un consorzio di cooperative sociali nell’ambito di laboratori creativi nelle scuole materne.
Andrea Coccoli di Nuvolento ha invece 23 anni ed è attualmente iscritto al secondo anno del biennio di specializzazione in Decorazione alla Laba. Anche Letizia Bui, 23enne residente ad Ospitaletto, ha studiato Decorazione, però all’Accademia di belle arti SantaGiulia dove si è diplomata a pieni voti nell’ottobre dello scorso anno e dove oggi è iscritta all’ultimo anno del biennio specialistico in Pittura.
La presentazione dell’esposizioni delle opere di questi giovani artisti si terrà sabato pomeriggio alle 17, naturalmente nella Sala Piamarta.
La mostra resterà aperta fino a sabato 20 dicembre dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Alle 17 di sabato 20 ci sarà la premiazione del vincitore. Per informazioni si può chiamare il numero 339.3235026, visitare il sito www.martinodolci.it o mandare una mail a fondazionedolcilibero.it.
Andrea Spitti  
 

Fonte: Giornale di Brescia