21/04/2009 - Ecco «I culur de Presei» Suggestioni a Zernago

ECCO "I CULUR DE PRESEI" SUGGESTIONI A ZERNAGO - Preseglie. Giovedì mattina prenderà il via la quarta edizione d’una rassegna da non perdere

In calendario mostre d’arte e una vernice bibliografica ma pure serate culinarie e incontri con la musica
Non si tratta della solita sagra di paese, ma di un articolato calendario di eventi culturali e non con i quali Preseglie si appresta nuovamente a celebrare la primavera. Parliamo delle quattro giornate de «I Culur de Presei»: una rassegna fatta di musica, pittura, enogastronomia, scultura, floricoltura, storia e fotografia.
La quarta edizione della manifestazione prenderà il via nella giornata di giovedì, e vedrà in campo per l’organizzazione e l’assistenza gli alpini, l’Auser, la corale del Visello, l’oratorio, le insegnanti della scuola elementare e l’associazione «Antichi mestieri», e sarà arricchita dalla partecipazione straordinaria dell’Accademia di belle arti «Santa Giulia» di Brescia.
Il tutto si svolgerà nella cornice del borgo di Zernago, che a partire dalle 10 (e fino alle 17 di domenica) ospiterà tra le altre cose i due simposi di scultura «Emozioni nel legno a Preseglie» (animato dagli scultori Abele Flocchini, Fabio Franchini e Piercarlo Marin) ed «Emozioni nella pietra a Preseglie», con protagonisti i ragazzi della Santa Giulia.
Alle 20, poi, l’auditorium ospiterà la presentazione della ricerca storica «Venezia e la Vallesabbia nella storia e nella cultura», realizzata da Francesca Poggetti e presentata da Alfredo Bonomi relatore: il lavoro analizza la realizzazione del Lazzaretto nuovo nella Venezia del ’500 da parte (anche) di presegliesi che ci lavorarono (dai Guerra ai Ligasacchi), in un’epoca in cui il paese valsabbino contava 1500 abitanti; gli stessi di oggi.
Venerdì sera si proseguirà a partire dalle 20, con la degustazione nel centro Auser di un menù valsabbino a base di «minestra spurca» e spiedo, e alle 21 col concerto folk della «Selvaggi band», durante il quale verrà presentata in anteprima la canzone nata dalla collaborazione coi presegliesi Aristo Andus e Davide Vassalini e intitolata, appunto, «I culur de Presei».
Per la giornata di sabato, il cartellone prevede l’estemporanea fotografica «Il borgo di Zernago» e il battesimo della sella (ovvero le gite a cavallo per i più piccoli) offerto da «La fattoria di Sara» e dal maneggio «La Pampa». Ma non solo: alle 14 inizierà «I Culurì de Presei», ovvero la mostra dei mosaici realizzati dai bambini della scuola elementare sotto la guida degli studenti dell’Accademia Santa Giulia. Questi ultimi realizzeranno poi un affresco sulla fontana «Versigliana» e daranno vita all’estemporanea di pittura «I borghi di Preseglie».
Alla sera, poi, cortili e giardini di Zernago decorati con la mostra floreale «Zernago in fiore» (in scena fioristi e vivaisti e il vivaio dell’Istituto Pastori di Brescia) ospiteranno (dalle 20) un percorso gastronomico (i coupon sono in prevendita) a suon di salumi, formaggi e polenta taragna. Per l’occasione il borgo sarà chiuso al traffico e raggiungibile a piedi o col bus navetta (in realtà sarà una carrozza trainata da cavalli), e offrirà anche figuranti in costume medievale, laboratori di restauro, rievocazioni di antichi mestieri e per finire l’arpista Eva Perfetti.
Infine, domenica la conclusione arriverà alle 17 con le premiazioni di estemporanee e rassegne; tranne quella fotografica, che verrà «premiata» il 2 maggio. Massimo Pasinetti


Fonte: Bresciaoggi