24/09/2009 - Ultimi dettagli per le Barocche

ULTIMI DETTAGLI PER LE BAROCCHE

Stanno per iniziare le Nuove Settimane Barocche dirette da Emanuele Beschi e da Francesco Lattuada, e ieri pomeriggio al Piano Nobile di via Marsala sono stati precisati alcuni dettagli della rassegna.
Anzitutto i concerti - sia quelli in città che quelli in provincia - saranno ad ingresso gratuito. Una buona notizia, ha detto Emanuele Beschi, ma c’è anche quella di una rinuncia dolorosa, per questioni di budget, a proposito del concerto di Chiara Banchini che quindi non sarà a Brescia. In compenso sono in programma alcuni concerti aggiuntivi che coinvolgono il Conservatorio, il Comune e la Provincia di Brescia, che ieri erano rappresentati rispettivamente da Giovanna Fabiano, dagli assessori Arcai e Sala.
Ad esempio, una serie di quattro concerti, che si terranno (il 10, 17, 24 e 31 ottobre) al Piano Nobile di via Marsala, intitolati «Il sabato dei giovani talenti» con musicisti di repertorio barocco che sono stati finalisti e vincitori del «Premio Nazionale delle Arti». Spazio ai giovani dunque, come per lo spettacolo che si terrà nel mese di novembre al Salone Da Cemmo e che riproporrà, dopo il successo di giugno in Castello, il «Combattimento di Tancredi e Clorinda» di Claudio Monteverdi messo in scena dagli allievi del Conservatorio «Luca Marenzio» in collaborazione con l’accademia di Belle Arti «Santa Giulia» di Brescia.
E poi, come ha detto Raffaella Valsecchi, tutto lo splendore dei concerti già in programma, come quello inaugurale di domenica 27 settembre alla Pieve di San Pancrazio a Montichiari con il complesso «Brixia Musicalis» impegnato in musiche che vanno da Albinoni a Bonporti e Vivaldi. Inoltre appuntamenti speciali, come i tre concerti che si terranno a Cremona (il 2 e 3 ottobre) in occasione della Fiera Mondo Musica; e ancora concerti «rari» - per i quali sarà necessaria la prenotazione -, come quello del 2 ottobre nella sede del Rotary Club con la viola di Francesco Lattuada e il violoncello di Luigi Puxeddu.


Fonte: Bresciaoggi