11/04/2010 - Nuove frontiere dell’arte esplorate con Photoshop

CREATIVITÀ. L’americana Maggie Taylor all’Accademia Santa Giulia

Nuove frontiere dell’arte
esplorate con Photoshop

  • Domenica 11 Aprile 2010
  • CRONACA,
  • pagina 15

Ogni scatto fotografico ha il potere di fissare in un singolo istante la realtà per immobilizzarla nel tempo. La tecnologia digitale ha rotto l’incantesimo del tempo ed ed è stata in grado di far rivivere quell’istante in migliaia di forme diverse.
Approfittando del soggiorno bresciano della visionaria fotografa statunitense Maggie Taylor, arrivata in città per inaugurare la propria personale alla Galleria PaciArte contemporary di Brescia (10 aprile - 30 luglio 2010), l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia ha organizzato un incontro con colei che, più di ogni altro, ha reso l’elabotrazione digitale della fotografia un metodo creativo per trasformare la realtà in qualcosa di magico e surreale. In realtà l’incontro con Maggie Taylor rientra nel programma formativo «Curare l’Arte» che, nel mese di aprile, darà la possibilità a studenti e cittadini di conoscere ed ascoltare la storia di grandi artisti nazionali e internazionali, tra i quali la direttrice del Museo cantonale d’arte di Lugano Bettina Della Casa, Matteo Galbiati e Chiara Canali.
Grazie all’utilizzo di photoshop, il celebre programma con il quale si possono modificare, trasformare e creare le immagini digitali, Maggie Taylor ha saputo trasformare la banalità statica di alcuni oggetti in creature animate capaci di suscitare emozioni. «La mia passione per la fotografia è nata in modo del tutto tradizionale. Solo dopo una decina d’anni che fotografavo nature morte e oggetti inanimati ho iniziato ad interessarmi al digitale e alle mille trasformazioni sceniche che si possono creare con esso - ha spiegato Maggie Taylor - Ho iniziato così a modificare le fotografie aggiungendo nuovi particolari e togliendole dal contesto in cui si trovavano per trasferirle all’interno del mio mondo creativo». E il mondo creativo di Maggie assomiglia molto a quello di Alice nel Paese delle Meraviglie, la sua fiaba preferita. Per informazioni sui futuri ospiti previsti dall’Accademia contattare la dottoressa Benedetta Albini allo 030-383368 oppure all’indirizzo e-mail albini@accademiasantagiulia.it E.BEN


Fonte: Bresciaoggi