05/05/2010 - Una scultura per la due ruote

Una scultura per la due ruote Realizzata dall'Accademia Belle Arti SantaGiulia in piazza della Stazione brescia_180 Un momento della presentazione della scultura con gli amministratori Una sorta di «Ferrari della bicicletta». Resa con un'installazione semplice, essenziale e naturalmente rossa. Rappresenta questo la scultura «BiciMia» che campeggia da ieri nel piazzale della stazione, un'opera donata dall'Accademia di Belle Arti SantaGiulia alla città. Realizzata nell'agosto del 2009 da Agostino Ghilardi, coordinatore della Scuola di scultura, insieme ai suoi allievi, l'installazione è nel concreto un unico tubo lungo una ventina di metri e del peso di circa 50 chili, avvolto su stesso in modo da rappresentare una bicicletta. «L'obiettivo è esaltare questo mezzo di trasporto - spiega Riccardo Romagnoli, direttore dell'Accademia -. Abbiamo ora in cantiere un altro progetto sul tema, sul quale vengono per ora taciuti i dettagli». Non a caso la scultura è stata posizionata in stazione, dove dall'inizio del 2009 è attivo sotto la pensilina un servizio di parcheggio biciclette (570 i posti disponibili) e ciclomotori (10 posti), noleggio bici, piccole riparazioni nell'officina interna e possibilità di «targare» la propria bicicletta. Nuove riduzioni e promozioni sono state introdotte per chi decide di usufruire del parcheggio bici. Ai clienti in possesso di abbonamento ferroviario sarà applicata una tariffa di 5 euro (Iva compresa) per l'abbonamento mensile (anziché i 10 della tariffa nominale) e di 2 euro per quello settimanale (invece di 3). Per tutti i clienti l'acquisto di un biglietto di sosta giornaliera alla tariffa di 1 euro dà inoltre diritto, a titolo promozionale e con l'obiettivo di favorire la fidelizzazione alla nuova struttura, a un ulteriore biglietto in omaggio. c. c.
Fonte: Giornale di Brescia