Giorgio Azzoni

DSC_2810rit2 -.jpg

Giorgio Azzoni, architetto e docente di storia dell'arte Moderna all'Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia, si è laureato con lode all’IUAV di Venezia, presso cui ha svolto per alcuni anni attività di ricerca in ambito didattico, progettuale e critico, studiando i fondamenti della modernità in architettura e nelle arti figurative.  Questi temi caratterizzano la sua ricerca e il suo lavoro, ispirati all'unità del sapere, scientifico e umanistico, e ai valori sociali.  Ha realizzato per Enti pubblici opere di recupero architettonico, curando in particolare gli aspetti artistici e culturali; per Istituti, Associazioni ed Enti pubblici attua progetti e iniziative di studio e valorizzazione del patrimonio storico e ambientale, collaborando con Università, Istituti di ricerca e studiosi di discipline diverse.  Ideatore e promotore di attività culturali riguardanti la storia dell'arte, l’architettura e il paesaggio, è autore di volumi e curatore di pubblicazioni sia di carattere scientifico che divulgativo. Collabora con le riviste AB (Atlante Bresciano), ISAL (Istituto per la Storia dell'arte lombarda) ed è corrispondente di ArchAlp /Rivista dell'Istituto di Architettura Montana del Politecnico di Torino.  Si occupa particolarmente del rapporto tra tecnica e natura e dell'abitare come fenomeno originario, indagando le relazioni tra l’identità storica e il contemporaneo.     Dal 2008 è coordinatore delle attività culturali del Museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo, (di cui è co-progettista, con studio Aura e Studio Azzurro), polo del musil (Museo dell’Industria e del Lavoro Eugenio Battisti di Brescia), di cui è componente il Consiglio d'Indirizzo. Dal 2009 al 2012 è stato docente di Didattica Museale all'Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia.

Responsabile dei progetti artistici del Distretto Culturale della Comunità Montana di Valle Camonica, ha coordinato progetti di ricerca storica e culturale ed è ideatore e direttore artistico della rassegna di arte pubblica contemporanea aperto_ art on the border, azione culturale fondata su saperi e valori ambientali. Ogni anno sono invitati/selezionati artisti per la realizzazione, in residenza, di opere site-specific strutturate in dialogo con il contesto e i valori comunitari. Artisti senior delle varie edizioni: Franca Ghitti (aperto_2010), Andrea Caretto e Raffaella Spagna (2011), Claudia Losi (2012), Stefano Boccalini e Ettore Favini (2013), Alessandro Nassiri Tabibzadeh (2014), Stefano Boccalini, Luigi Coppola, Riccardo Giacconi, Angelo Sarleti (2015), Stefano Boccalini, Umberto Cavenago, Claudia Losi, Ettore Favini, Wurmkos, Maria Zanchi (2016), Emilio Fantin, Margherita Moscardini, Giuseppe Stampone, Stefano Boccalini (aperto_2017).  aperto_art on the border è dotato di un Comitato scientifico formato da docenti universitari e studiosi di varie discipline, ha il patrocinio artistico di Careof di Milano, Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia e PAV/Parco dell'Arte Vivente di Torino e la partecipazione dei loro curatori.  info:   aperto.lavallecontemporanea.it     www.vallecamonicacultura.it/aperto

Attualmente sta collaborando a una ricerca sull'ingegeneria italiana del primo Novecento. Recentemente ha pubblicato i saggi: Modernità montana. Scienza e arte del costruire idroelettrico, in Fotografia per l'architettura del XX secolo, a cura di M.A.Crippa e F.Zanzottera, Silvana ed.-Politecnico di Milano, 12/2017, Abitare minimo sul ghiacciaio in Al di là delle trincee, Atti del congreso internazionale (Roma 3-5 dicembre 2015), Sapienza-Università di Roma, a cura di P.Cimbolli Spagnesi, Quasar ed. Roma 2017, e i volumi: Microcosmi montani. (Grafo, Brescia 2015); Il museo dell'energia idroelettrica (Grafo, 2015), e curato le pubblicazioni: Aperto2011-2013_art on the border (Silvana editoriale, 2015); Omaggio a Franca Ghitti_aperto art on the border (La Compagnia della Stampa, 2014); Nella Modernità (Grafo, 2014); La casa degli artisti in Valle Camonica. Un restauro esemplare per i nuovi linguaggi dell'arte (con M.A.Crippa, Silvana ed. 2013); Abitare minimo nelle Alpi (con P.Mestriner, Letteraventidue, 2013); La Leggenda di Carlo Magno nel cuore delle Alpi (Silvana ed. 2012); La via di Carlo Magno in Valle Camonica (con G.Bondioni e V.Zallot, Grafo, 2012); Il racconto delle pietre/The story of the stones (con V. Zallot, La cittadina, 2009); Acqua, natura e tecnica (con C.Simoni, Centro Servizi Musei Provincia di Brescia, 2009).  Ha recentemente curato la realizzazione del Percorso Franca Ghitti, Opere pubbliche in Valle Camonica, sculture e installazioni, e delle opere di aperto_art on the border. E' autore di saggi critici di arte e architettura in volumi collettivi e curatore della piccola collana editoriale Liber, Ricordare, raccontare.

https://accademiasantagiulia.academia.edu/GiorgioAzzoni



Giorgio.Azzoni@accademiasantagiulia.it