11/04/2010 - "800 disegni inediti dell'Ottocento"

Mostra in CORSO dal 19 dicembre 2009 all'11 di aprile 2010
"800 disegni inediti dell'Ottocento"

La collezione dei disegni dell'Ottocento veneziano al Correr è una delle più ampie nel panorama della grafica di quel secolo. Conta svariate centinaia di fogli che -forse oscurati dalla celebrità della grafica del Settecento massicciamente presente nelle stesse raccolte- non hanno finora avuto l'attenzione che avrebbero meritato. I nomi: si parte dal più giovane della famiglia Guardi, Giacomo (1764-1835), che sulle orme del padre, Francesco, gira per la città tracciando centinaia di schizzi, impressioni, macchiette fino a perfezionare la vedutina-ricordo, la “cartolina”, ma che diventa originale e curioso nell'incessante ricerca di una più moderna chiave espressiva. Ecco poi il migliaio di disegni - appunti o elaborazioni finite - di un celebre incisore e illustratore, Giovanni Pividor (1812-1872) che fa di Venezia, dei suoi angoli e delle sue architetture un reportage inesauribile: minuzioso fino alla maniacalità, lieve come una piuma, o strutturato e pittorico in inchiostri 'finiti' tra cui l’album, in gran parte inedito, "Souvenir de Venise". Ecco poi il grande Ippolito Caffi (1809-1866), vedutista ormai liberato dalle suggestioni 'settecento, risorgimentale ed eroico, innamorato della 'gente' (popolani in riposo, polizia austriaca, marinai in attesa d'ingaggio, qualche orientale, maschere): la Venezia di un Ottocento pezzente e sottomesso che cerca riscatto nello sberleffo o nel gesto di ribellione, fissata in quadernetti di acquerelli o in vedute abbozzate su agendine 'moleskine' ante-litteram. Pressochè una novità (almeno per il grande pubblico) sono gli oltre duecento disegni del fiammingo François Vervloet (1795-1872). Sedotto dalla camera ottica, dal paesaggio urbano, dal 'vedutismo oggettivo', dopo Roma e Napoli arriva a Venezia -dove morirà nel 1872- e lascia, oltre ai disegni, un diario privato di grande interesse, dove annota cose alte e minute, incontri, scambi d'opinioni, esperienze nel mercato d'arte. Vervloet non si limita agli scorci e alle vedute: entra nelle sacrestie, scruta reliquiari e candelabri, appunta un ricciolo dorato o una voluta marmorea. Altra irrinunciabile novità, i disegni e gli acquerelli di Eugenio Bosa (1807-1875). Niente vedute o monumenti, ma mendicanti e pescatori, miseria e sofferenza, ma anche momenti di riposo e di tranquillità. Altri artisti si affacciano con minor mole di materiale, ma con crescente spessore. Tra essi, Luigi Querena (1820-1887)che si specializza nel genere singolare, di breve ma intensa fortuna dei panorami, rappresentazioni prospettiche di città o paesaggi o eventi storici estesi fino a 360° che trovano nel primo e medio Ottocento il loro momento migliore. Infine, grazie alla disponibilità di un privato collezionista, un'ulteriore novità: un'ottantina di inediti disegni a matita di Giacomo Favretto (1849-1887) restituiscono scorci, ritratti, impressioni catturate di nascosto nei caffè veneziani, luoghi di socializzazione, di acculturazione, di esercizio di attività politica o di tessitura di trame clandestine. Non solo i gran caffè della Piazza (Florian e Quadri, Aurora e Vittoria), ma anche i Giardini e i Giardinetti, il Caffè Orientale e molti altri dei locali che hanno fatto la storia - e non sempre minore: si pensi alla Biennale - di questa città.


Luogo Evento: VENEZIA