01/05/2010 - Futurismo - Moda - Design. La ricostruzione futurista dell'universo quotidiano

Gorizia - Musei Provinciali
Dal 19 dicembre 2009 all'1 maggio 2010

Se l'abito non fa il monaco, certo fa il Futurista. Ne era ben convinto Giacomo Balla: "si pensa e si agisce come si veste", scrisse nel suo Manifesto per il vestito antineutrale del 1914.
Così giù picconate ai simboli stessi del decoro maschile: demolita la simmetria delle giacche, ficcati in un dimenticato cassetto i colori nero e marrone d'ordinanza, via libera a panciotti che sono un tripudio di colori a scarpe e sciarpe pluricolorate. La cravatta, aboliti i nodi scorsoi "da impiccato", diventa oggetto di un apposito Manifesto futurista sulla cravatta italiana. Intanto Thayaht inventa la "tuta", dall'aggettivo "tutta" cui viene tolta una T, lettera che rappresenta graficamente il semplice taglio bidimensionale di un nuovo capo di vestiario che si vuole alla portata di tutti, confezionabile in casa. Un abito universale in grado di sostituire un intero guardaroba, sia in versione maschile che femminile. Futuristi sono anche gli ombrelli (in mostra tre di rarissimi), le borsette, i cappelli, ma non la biancheria intima perché, costringendo il corpo, dai futuristi era ab


Luogo Evento: GORIZIA