01/05/2010 - Marinetti e il Futurismo Antibolscevico

Fin dal sorgere del movimento fascista il Duce, con una visione altamente anticipatrice, ha indicato nel Bolscevismo una delle maggiori forze disgregatrici della civiltà contemporanea e la Rivoluzione si è sempre mantenuta fedele a questo orientamento con lineare coerenza di idee edi eventi.
Così l'azione squadrista della vigilia, come l'ascesa costruttiva del Regime hanno accentuato sempre più decisamente i valori antibolscevici del Fascismo, traducendoli in un sistema di realtà vive ed operanti.
Non appena la necessità di difendere il patrimonio spirituale e politico minacciato dall'invadenza comunista si è imposta all'Europa nuova, la Rivoluzione delle Camicie Nere ha inviato le sue legioni in terra di Spagna ad affermare la civiltà di Roma.
Nell'attuale conflitto la volontà antibolscevica del Fascismo, temprata da un ventennio di prove, diviene un elemento fondamentale per la costruzione dell'ordine nuovo che rappresenta la meta dei giovani popoli desiderosi di giustizia.
Dello spirito anticomunista del Fascismo, ormai pervenuto alla fase della sua definitiva affermazione sui campi di battaglia, il presente volume, che raccoglie una serie di scritti di particolare rilievo, vuole essere una documentazione precisa e chiarificatrice intesa ad illustrare un aspetto essenziale della guerra dell'Asse."

Aldo Vidussoni
Luogo Evento: Mostra Virtuale a cura di Giorgio De Novellis-cd-rom