25/09/2008 - LA CITTA' E LA SUA IMPRONTA
Franca Ghitti espone al Castello di Brescia

La mostra La città e la sua impronta rappresenta la prima tappa di un progetto espositivo che coinvolgerà la sede del Castello di Brescia (Piccolo Miglio dal 25 settembre al 23 novembre e, nella primavera 2009, l'Ecole de Architecture de Paris La Villette.

La mostra propone la città come struttura complessa della vita di relazione sociale, misura di uno spazio-tempo di cui le culture del legno e del ferro segnano l'impronta di identità. La Ghitti ritorna sulla sua idea di scrittura come progettualità. E' un lavoro rigoroso che ricompone le tracce del passato, i residui della lavorazione del ferro e del legno in scritture dove prevale il gesto, la scansione del ritmo che evoca antichi procedimenti creativi, ma anche la contemporaneità della produzione seriale. Dal progetto all'opera, dalla materia alla sua rigorosa elaborazione formale, dal segno primitivo all'impegno della realtà odierna, la scultrice lombarda traccia un itinerario dove manualità e concettualità sono in continuo dialogo.

Dagli anni Sessanta la Ghitti lavora realizzando un tipo di scultura che costruisce per aggregazioni, per luoghi, mirando a ricomporre in un linguaggio modernissimo l'immagine di uno spazio carico di suggestioni arcaiche che ripensa forma e dimensioni del territorio umano.

La scultura è prima di tutto per la Ghitti una esperienza per gestire un patrimonio di forme e contenuti. Partita dalla geometria della corda, da saperi e procedimenti delle antiche culture materiali, con un carico di consapevolezza antropologica, l'artista approda a una dimensione della scultura che si misura con le tecnologie e i linguaggi seriali del mondo contemporaneo evocando varie organizzazioni dello spazio e del tempo tra culture contadine, artigiane e civiltà metropolitane e tecnologiche.

25 settembre - 23 novembre 2008

martedì - domenica ore 10-18


Luogo Evento: Brescia, Castello (Piccolo Miglio)
invitoGhitti.jpg