07/10/2008 - FEDERICO SEVERINO

L’ Associazione Amici dei Musei di Monza e Brianza  riprende le attività culturali 2008-2009 proponendo agli associati e a tutta la cittadinanza una mostra personale dello scultore FEDERICO SEVERINO, che si aprirà nel consueto affascinante spazio della Saletta Reale della Stazione in via Arosio giovedì 9 ottobre 2008 con inaugurazione alle ore 21

presenti l’Artista ed il curatore della rassegna Alberto Crespi.

La mostra, patrocinata da Comune di Monza, Assessorato alla Cultura, sarà visitabile fino al 30 ottobre con orari da martedì a sabato dalle 15.30 alle 18 e su appuntamento, grazie alla collaborazione dei volontari dell’Associazione.

 Federico Severino, nato a Brescia nel 1953, laureato in Filosofia e diplomato in Scultura, risiede in Franciacorta. La sua opera di scultore, innervata da straordinarie doti disegnative, reca l'impronta di una fervida capacità inventiva sorretta da una cultura approfondita capace di equilibrare le forti tensioni che la sottendono e testimonia in ogni opera la complessa personalità dell’Artista. La sua iconologia, che si accompagna a figure del mito e a figure del sacro, ha instaurato tra reale e immaginario uno stretto dialogo che, sviluppato coerentemente lungo decenni ha ormai assunto lessico e ritmi ben distinguibili nel panorama contemporaneo. La sua attività artistica, seguita dalla critica più attenta, non teme di confrontarsi a tutto campo con il massimo impegno e dimensioni monumentali. La sua attività espositiva ha inizio nel 1974 per giungere fino ad oggi annoverando ampie mostre antologiche come quella in Palazzo Martinengo a Brescia nel 1994 e varie personali in sedi pubbliche e private. Federico Severino è già noto a Monza per aver esposto da Montrasio Arte e alla Biblioteca Civica (serie dei 34 pannelli dedicati all’Inferno di Dante, ora acquisiti dal Gruppo San Paolo di Brescia). Personali recenti ad Arsmedia di Bergamo (2006) e alla Galleria Plexus di Friburgo (2007). Tra le mostre di gruppo: “La Nave dei folli” all’Oratorio dei Disciplini di Clusone (2007) e “Omne Trinum” alla Pinacoteca Civica “Aroldo Bonzagni” di Cento (2008).  

“Per questo appuntamento espositivo di Federico Severino alla Saletta Reale – scrive Alberto Crespi nella presentazione - ho scelto un gruppo di bronzi a patine varie e qualche terracotta rosata, senza badare alla cronologia (non è necessario, data la coerenza assoluta della creatività dell’artista), cercando piuttosto una personale via che lasciasse spazio ai fremiti dell’emozione, alle immagini più amate, che sono poi quelle cui non si può rinunciare…. Fedele al proprio credo con una sincerità spietata, sottile nel figurare mitici colpevoli e semplici agonisti in odore di santità, eccelso nel “mestiere” vivissimo del creare plasticamente turgidi fantasmi d’umani, Federico Severino ha in più la dote, rara in un artista, di non disperdere, di non tralasciare, di non abbandonare per strada frammenti di quel discorso che da trent’anni lo attanaglia, di non consumare l’idea forte che lo sorregge, che è di rispetto assoluto per il lavoro di nobile manualità e per la cultura che l’ha generato, e di giorno in giorno invera nelle sue mani. 

 

dati della mostra

TITOLO:                     Federico SEVERINO ScultoreA CURA DI:               Alberto CrespiSEDE:                         Monza, Saletta Reale della Stazione, via Arosio PERIODO:                  9 – 30 ottobre 2008INAUGURAZIONE:   giovedì 9 ottobre 2008 alle ore 21, presente l’Artista ORARI:                       da martedì a sabato dalle 15.30 alle 18. Ingresso libero.PROMOTORE:           Associazione Amici dei Musei di Monza e BrianzaOPERE ESPOSTE:      10 sculture in terracotta o in bronzo patinatoCATALOGO:              Pieghevole illustrato in sede con testi di Alberto Crespi e un inedito di Federico Severino: “Il codice della scultura”UNA FRASE:             “Federico Severino lavora da Maestro con e per la sicurezza della propria identità”.
Luogo Evento: Monza