MOSTRA DAL 01/02/2008 al 01/03/2008: STEFANIA GALLI
Tu me notes

Rigore tecnico, preziosità dei materiali e libertà creativa nell’Arte di Stefania Galli

L’installazione e i dipinti su tavola sono opere paradigmatiche di Stefania, congiungono conoscenza e passione per le tecniche medievali alla propria libertà creativa ed espressiva, nella ricerca di un linguaggio simbolico universale.

L’unico linguaggio universalmente riconosciuto è la musica, in ogni popolo ed in ogni tempo. La musica come espressione dell’umanità, della vita, e del mistero che ci circonda; ecco perché si arriva al concetto della stessa come risultante delle dimensioni a noi oggi conosciute, un quarto asse che rimanda ad una quarta dimensione”.

La pittura su tavola è affrontata con estrema serietà, nulla è casuale, i soggetti sono carichi di significati simbolici e allusivi anche nei dettagli apparentemente decorativi, i materiali sono scelti con cura tra i più pregiati e la tecnica unisce l’osservazione scrupolosa dei trattati medievali ad intuizioni nuove fantasiose.

Elisabetta Attorrese
Docente di Restauro Accademia di Belle Arti Santa Giulia – Brescia


“…la Vita, dove porre un’ inizio o una fine su di una linea retta? Come potrei quindi non cercare di rovistare il passato per creare nel presente… per questo studio e cerco di capire il perché, e non riesco a scindere l’amore per l’arte, per il restauro e per la creazione artistica… li amo come amo la vita e come ho amato le persone che sono mancate nella mia vita… in ogni cosa concreta che faccio c’è una parte di loro, e questa sensazione mi dà grande energia oltre che un profondo senso di gratitudine; inoltre in ogni cosa che faccio ci sono le persone che mi circondano nel bene e nel male, le sensazioni o le immagini quotidiane oltre agli attimi indimenticabili…”

Stefania Galli

Luogo mostra: Parigi

Galli0.jpg Galli1.jpg Galli2.jpg Galli4.jpg Galli5.jpg Galli7.jpg Galli8.jpg Galli9.jpg Galli6.jpg Galli10.jpg