MOSTRA DAL 04/06/2014 al 04/06/2014: GIULIA GUSSAGO
Progetto Verziano: Il Canto del ritorno

Il Canto del ritorno è l’esito finale dei laboratori creativi condotti nell'ambito del Progetto Verziano 3^ edizione a partire da ottobre 2013, a cui hanno partecipato un gruppo di detenuti della Casa di Reclusione e di danzatori di Compagnia Lyria.

Mercoledì 4 giugno ore 21
Casa di Reclusione Verziano Brescia
via Flero 157, Brescia

Ingresso gratuito previo accreditamento. Posti limitati.
Per effettuare la richiesta di accreditamento è necessario compilare entro il 15 maggio l'apposito form reperibile sui siti www.compagnialyria.it www.ilcalabrone.org

Pagina facebook dedicata: https://www.facebook.com/compagnia.lyria


 

Il canto del ritorno

 

Ideazione e coreografia Giulia Gussago

 

Performer Alessandra Bazzoli, Federica Bellini, Maria Brocco, Francesco Cancarini, Raffaella Demasi, Cassia Dos Santos, Valeria Fredi, Silvia Galanti, Elena Lodigiani, Viviana Mugnano, Paola Pasolini, Susi Ricchini, Mira Romano, Antonietta Verbena, Arturo Zucchi, insieme agli ospiti della Casa di Reclusione di Verziano Alessandra, Amrinder, Kuljit, Liliana e Shkeltzen.

 

Hanno inoltre partecipato al laboratorio Andreea, Angela, Annamaria, Anita, Anna, Angelica, Brian, David, Gianpaolo, Giorgia, Lory, Omar, Omar, Redouane, Sean, Valtin e Vincenzo.

 

Musiche originali Alessandro Siani

 

Trucco e acconciature a cura di CFP Zanardelli

 

Foto di scena Daniele Gussago

 

Realizzazione video Brixia Service

 

Service audio luci Mc Sound Studio

 

Comunicazione Valeria Fredi

 

Grafica Francesca Nulli

 

Si ringraziano per la preziosa collaborazione Cristina Baglioni e Antonio Risi

 

Il canto del ritorno è ispirato al mito della Fenice e rappresenta la possibilità di rinascere, a sè stessi e al mondo, nel ciclo della vita. La Fenice, una creatura che coraggiosamente si lascia bruciare, si libera da ciò che non serve più, si ricrea dalla sua stessa cenere e dispiega nuovamente le splendide ali per tornare a librarsi alta nel cielo. Rinasce non solo nel corpo, ma anche nell'anima, nelle esperienze e nella consapevolezza di ciò che ha vissuto, con lo sguardo aperto al cambiamento, alla nuova occasione che si presenta, ad un futuro che inizia proprio dalla completa consumazione di quel che è stato.
Così noi, uno per uno, ognuno con il proprio viaggio irripetibile, con un proprio suono inimitabile, incrociamo altre rotte e confondiamo le nostre voci in un canto che echeggia durante il volo e annuncia il ritorno, in cielo e sulla terra.

 

A volte abbiamo ali meravigliose con cui possiamo volare in alto
o almeno avere la speranza e la sensazione di farlo
per un giorno, delle ore, o anche solo un minuto.

Angela

 

Luogo mostra: Casa di Reclusione Verziano, via Flero 157, Brescia

ATT00071.jpg image002.jpg