MOSTRA DAL 26/05/2016 al 22/07/2016: ILARIA BIGNOTTI
Curatrice della mostra: The Concrete Utopia. Ivan Picelj and New Tendencies 1961-1973

Frutto di un lungo progetto di ricerca e di studi, la mostra "The Concrete Utopia. Ivan Picelj and New Tendencies 1961-1973" esplora le Neoavanguardie artistiche degli anni ’60 e ‘70 attraverso la straordinaria avventura creativa dell’artista croato Ivan Picelj (1924-2011), membro fondatore del movimento di Nuove Tendenze (nove tendencije) che riunì in ex Yugoslavia, dal 1961, artisti provenienti da tutto il mondo, dal Gruppo Zero ai Gruppi N e T, da Castellani a Manzoni a Scheggi.
 
La mostra rappresenta allora un’opportunità di rivisitare l’affascinante storia di questo periodo di cambiamenti e ricerche internazionali destinate a trasformare la percezione dell’opera in relazione allo spazio e allo spettatore: così raccontano le oltre quaranta opere realizzate da Picelj tra gli anni ‘60 e ’70, straordinario inventore di forme assolute, di cristallina purezza e di smagliante intensità: forme fatte per ridisegnare l’esistente, nate dal rigore dell’ideazione, dalla pervicace ricerca della relazione perfetta tra la percezione e la conoscenza, costruite con la paziente attesa della ripetizione e la brillante scoperta della variazione. Forme e opere come utopie concrete, per un migliore modo di vedere, sentire e vivere nella vita di ogni giorno.
 
Accompagnata da un catalogo ricco di apparati, documenti, fotografie dell’epoca, con un saggio di Ilaria Bignotti e introduzione di Snježana Pintarić, Direttore del Museo di Arte Contemporanea di Zagabria, la mostra si avvale del prezioso supporto e patrocinio del Museo di Arte Contemporanea di Zagabria, che ha acconsentito a una serie di eccezionali prestiti, e di Anja-Picelj Kosak, figlia ed erede dell’artista.

The Concrete Utopia. Ivan Picelj and New Tendencies 1961-1973 sarà da Cortesi Gallery di Londra dal 26 maggio al 22 luglio, per arrivare a Lugano dal 14 settembre al 22 ottobre.

SCARICA QUI L'INVITO

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA

Luogo mostra: Cortesi Gallery, 41 & 43 - Maddox Street, Londra