Giovanni Sabatini: Trittico ortogonale

La Collezione Paolo VI accoglie in comodato il dipinto di Giovanni Sabatini del 1990 “Trittico ortogonale”, posto in dialogo con la “Crocifissione” (1955) di Lucio Fontana, il “Crocifisso” (1972) di Lon Zack e la “Croce” (1942) di Mirko Basaldella. 

L'opera di Sabatini, artista attivo sulla scena internazionale a partire dagli anni Settanta, “ una meditazione sul tema della ‘croce’, sia come dato formale, sia in quanto elemento simbolico. Il dipinto presentato analizza inoltre i temi del rispecchiamento, della materialit, della presenza/assenza, innescando nell’osservatore una serie di domande che rendono l’esperienza della contemplazione artistica un’avventura di conoscenza, di introspezione e di meditazione spirituale”.

L’inaugurazione ufficiale dell’opera avverr:
SABATO 7 MARZO 2015 alle ore 17 presso la Collezione Paolo VI - arte contemporanea in Via Guglielmo Marconi, 15, Concesio (Bs).

Seguir la presentazione e la proiezione di tre video d’arte realizzati da Giovanni Sabatini dagli Settanta agli anni Duemila, basati sulle medesime questioni – luce, colore, forma, spazio – affrontate del dipinto “Trittico ortogonale”: “Globulo” (1975), con musiche di Pierre Henry, “Accumulation C-Y” (2007) e “Fiat Lux et Sonus” (2004), con musiche di Maurizio Pisati.

Saranno presenti all’inaugurazione dell’opera e alla proiezione dei video:

- Paolo Bolpagni, direttore della Collezione Paolo VI - arte contemporanea - Giovanni Sabatini, artista
- Maurizio Pisati, musicista