Area riservata
Studiare all’estero
Scegli la giusta direzione

Studiare all’estero
Scegli la giusta direzione

Lavori di restauro presso il Santuario della Beata Vergine Maria di Visello

Il cantiere di restauro del Santuario della Beata Vergine Maria di Visello a Gazzane di Preseglie è stato avviato nel febbraio 2014, fa parte di un progetto ampio ed articolato che interessa anche tutto il complesso adiacente.

La storia del santuario inizia nel 1527 quando avvenne l'apparizione della Madonna davanti a "Bonfadino" un povero pastore muto che, mentre portava le bestie al pascolo in questi luoghi, vide la Madonna che gli disse di prendere la sua giovenca più giovane, mungerla e dare il latte al suo popolo affranto dalla peste.
La mucca che non aveva ancora partorito diede il latte.
Bonfadino tornato al paese parlò, raccontò dell' apparizione, diede il latte ai poveri malati e Il miracolo si compì.
La devozione alla Madonna per questo evento miracoloso ha portato all'edificazione del santuario.
Nobili famiglie del posto fecero dono di terre e di risorse. 


L'approccio di progettazione inizia dopo il terremoto del 2004 quando l'intero complesso viene studiato iniziando la grande opera di recupero.
La prima fase risale al 2007 con l'intervento di consolidamento strutturale del tetto e vengono definiti i punti chiave di studio della fase attuale finalizzata invece al recupero delle finiture interne della chiesa e del complesso annesso. 

Sarà proprio all'interno di questa fase che si inizia a portare in luce la possibilità di collaborazione fra il comune, ente che si propone di recuperare i fondi, e accademia SantaGiulia di Brescia che mette così a disposizione la sua professionalità nella definizione della proposta di intervento insieme alla direzione lavori Architetto Gianluca Peretti di Odolo.
Le fasi di progetto hanno sempre visto la partecipazione degli studenti del corso di restauro degli affreschi e dipinti murali dal 2009 ed è stato didatticamente importante per loro esserne partecipi. 

La chiesa attualmente è stata spogliata degli arredi nei primi anni del 2000 per precauzione e per proteggere le opere d'arte mobili che, opportunamente catalogate, sono oggi al sicuro nella cattedrale di Preseglie.
Fra queste opere ricordiamo la statua della Madonna dormiente del '500 amata e altamente venerata dalla comunità in un continuo e costante collegamento all'apparizione.
A maggio di quest'anno si è celebrata la ricorrenza di devozione che coinvolge la comunità di cinque località e chiese nel territorio in un unico spirito di fede che le vede in comunicazione e dove il "cammino" ne diventa simbolo come antico mezzo di preghiera. 

L'impianto pittorico più importante è quello presente su volta e pareti, parti alte dell'abside e dell'arco santo.

Si tratta di un ciclo di affreschi eseguito nel '600 con chiara impronta di devozione e di culto mariano.
Nelle quattro scene pittorico figurative delle pareti parti alte dell'abside sono raffigurati i momenti della vita di Maria: la nascita, la presentazione al tempio, lo sposalizio della vergine e il sogno di San Giuseppe. Sulla volta dell'abside, all'interno di una interessante costruzione di finta architettura è raffigurata l'incoronazione e l'ascensione della Madonna con la trinità. Sull'arco santo, sempre all'interno di quadrature architettoniche è raffigurata l'annunciazione. L'aula centrale oggi é completamente ricoperta da un impianto decorativo semplice con finta trabeazione in finto marmo sorretta idealmente da mensole. Nelle ampie campiture delle pareti gli spazi vengono scanditi con rigature di contorno e da decorazioni floreali tipo finti stucchi in aggetto. L'impianto si colloca nell'800 presenta colori monocromi della terra d'ombra e si raccorda con il ciclo seicentesco nell'arco santo nella porzione di raccordo fra la scena dell' annunciazione e la porzione di alloggio degli arredi lignei.


Grazie all'approccio conservativo dell'intervento sono state lette tutte le informazioni di questo impianto ed è stata messa a punto una metodologia idonea al mantenimento dello stesso.


L'intervento attualmente in corso riguarda il completamento dell’aula centrale, Cappella della Madonna e sacrestia e prevede l'esecuzione delle lavorazioni di pulitura, di scialbo, trattamento conservativo del degrado dell’intonaco e della pellicola pittorica con consolidamento in profondità e superficiale.
Le fasi in corso di ricostruzione materica e cromatica sono finalizzate alla restituzione di una lettura omogenea delle superfici.


STUDENTI CHE HANNO PARTECIPATO ALLA DATA REGISTRAZIONE DEL VIDEO: Bettoni Irene, Caberlotto Selena, Cocchi Francesca, Fanchini Alberto, Francesca Gori, Gabana Federica, Marcolli Giulia, Mordenti Daniela, Peroni Francesca, Salfa Serena, Schiro’ Francesco, Simona Fracassi, Simona Pizzi e Valeria Frialdi.

Le tesi sono consultabili presso l'Archivio dell'Accademia SantaGiulia ed è possibile richiedere il file pdf completo alla Direzione.

 

Condividi

Accademia SantaGiulia - Vincenzo Foppa Società Cooperativa Sociale ONLUS - Via Cremona, 99 - 25124 Brescia
Num. Iscr. Reg. delle Imprese di Brescia e partita IVA: 02049080175 - R.E.A. 291386 - CAP. SOC. Euro 25.148,68
PEC: accademiasantagiulia@certificazioneposta.it