Area riservata
Studiare all’estero
Scegli la giusta direzione

Studiare all’estero
Scegli la giusta direzione

Spettacolo "La bellezza della LIS", segni e parole

Una lettura due voci per celebrare il fascino e la bellezza della LIS e della parola

Fonte esterna
26/10/18

Venerdì 26 ottobre, alle 21,00, presso l'Auditorium G. Gaber di Castelmella, si terrà lo spettacolo ad ingresso libero "La bellezza della LIS", segni e parole.

"A chi crede che la comunicazione è uno degli elementi fondamentali della vita degli uomini e la studia, la insegna.
Il termine deriva dal latino e significa condivisione.
Comunicare significa stabilire rapporti tra persone e ricevere informazioni tramite messaggi codificati.
Uno dei paradossi della nostra società consiste nel fatto che, nonostante la tecnologia consenta ampie possibilità di comunicazione i rapporti interpersonali si vanno impoverendo. Una comunicazione efficace è la base che consente di sviluppare qualsiasi attività sociale, anche l’attività di lavoro. Padroneggiare le tecniche e i comportamenti della comunicazione significa farsi conoscere e conoscere chi ci sta di fronte, significa adeguare il proprio e l’altrui comportamento in funzione dell’obiettivo.
Significa mettere nel nostro mondo, in comune con gli altri, qualcosa del nostro essere.
Nel nostro mondo esiste una lingua, la Lingua Italiana dei Segni".


Il regista Pietro Arrigoni, con le voci di Corinne Zanelli e Chiara Gritti interprete LIS, avvolte dai suoni di Emiliano Milanesi, vogliono provare a stupire, emozionare, condividere, comunicare, nella matericità della scenografia la bellezza e il fascino della LIS e della PAROLA.

La lettura è tratta dal romanzo di Emmanuelle Laborit, "Il grido del gabbiano", di Rizzoli Editore, dalla durata di 50 minuti. 

"Nove mesi di vita e una diagnosi inequivocabile. La piccola Emmanuelle è sordomuta in forma grave. Si sforza di farsi capire, ma è in grado di emettere solo incomprensibili grida, come un uccello marino, un gabbiano che plana sull’oceano. Un muro invisibile la separa dagli altri, costringendola a d un isolamento profondo, punteggiato da momenti di terrore. La sola persona con cui riesce a comunicare è sua madre, con un linguaggio “ombelicale” fatto di mimica e gesti, un codice particolare, istintivo, segreto. Eppure Emmanuelle ha una sensibilità profonda, acutissima. Avverte i rumori sotto forma di vibrazioni, sente la musica con il corpo, ne percepisce il magico ritmo. E ha già un carattere indipendente, volitivo e cocciuto, accentuato dalla solitudine, dal silenzio, come racconta lei stessa in questa autobiografia “fino a sette anni non ci sono parole né tantomeno frasi nella mia testa. Solo un caos di immagini senza alcun rapporto tra loro”…

A sette anni, la svolta. Il suo universo esplode di colpo: impara il linguaggio dei segni, qualcosa che fino a quel momento le è stato precluso, perchè in Francia è un metodo controverso e non ancora ufficialmente riconosciuto a livello istituzionale. Impara ad esprimersi liberamente, creando arabeschi nello spazio. Una suggestiva danza di parole nell’aria, la chiave per aprire la porta che la separa dal mondo: per lei è una rivoluzione. Recupera velocemente il tempo perduto apprendendo, studiando. Poi nell’adolescenza tutto si capovolge. Al disorientamento tipico della sua età si aggiunge la ribellione, perchè si vede negare un’identità come sordomuta. Si chiude di nuovo in se stessa, va alla deriva, vive una difficile storia d’amore ma, lucida e fortemente determinata, reagisce e decide di lottare. Si laurea, combatte per difendere i suoi diritti, per tutti quelli che soffrono del suo stesso handicap. Diventa attrice teatrale imponendosi trionfalmente nella pièce “Les enfants du silence”, entusiasmando la Francia con la sua grazia e il suo talento…

Consegue il prestigioso Premio Molière nel 1993. Ora tutti se la contendono: ha appena terminato di girare un film e tornerà presto sul palcoscenico per interpretare un adattamento dell’Antigone di Sofocle. E’ ospite fissa di una trasmissione televisiva molto seguita. La sua commovente testimonianza è la storia di una delle più difficili sfide mai affrontate nell’era della comunicazione. Emmanuelle Laborit, nipote del grande biologo Henri Laborit, figlia di uno psichiatra, vive a Parigi. E’ direttrice amministrativa e artistica dell’International Visual Theatre"

Galleria Immagini

Condividi

Accademia SantaGiulia - Vincenzo Foppa Società Cooperativa Sociale ONLUS - Via Cremona, 99 - 25124 Brescia
Num. Iscr. Reg. delle Imprese di Brescia e partita IVA: 02049080175 - R.E.A. 291386 - CAP. SOC. Euro 25.148,68
PEC: accademiasantagiulia@certificazioneposta.it